LTS RACING TEAM...NOVE ANNI DI ORGOGLIO FATTO IN CASA

....150 GARE, 42 VITTORIE ASSOLUTE, 52 PODI ASSOLUTI, 121 VITTORIE DI CATEGORIA IN UN MARE DI SPETTACOLO..... LTS RACING TEAM "COLTIVIAMO PROGETTI PER MIETERE SUCCESSI"!!!

AGM Srl IN COLLABORAZIONE CON LTS RACING TEAM NOLEGGIA PER SINGOLE GARE E/O PROGRAMMI


PER ULTERIORI INFO E COSTI

TINABURRI ALESSANDRO 339.2098652 OPPURE CONTATTACI SU ltsracingteam@virgilio.it

lunedì 13 dicembre 2010

VIDEO FORMULA DRIVER CHIGNOLO

PREDATOR'S 1000 http://www.youtube.com/watch?v=E8JRgrIWX8Y

CELICA GTFOUR http://www.youtube.com/watch?v=BlRf9QAy0fA

...... E VINCE ANCORA LUI A. TINABURRI

E’ stata una festa assoluta l’ultimo appuntamento del 2010, con tutti gli amici al seguito, con tutto il team LTS RACING TEAM, con i magnifici ragazzi del AGL MOTORSPORT , Dario, Diego, Gianluca ed Anna, G.E. Rizzi e il suo team, Andrea Franchini, Ticchi Alberto & Ticchi Senior e con il pensiero anche Fabio Braghè bloccato a letto da 39 di febbre ed alla fine è stata l’ennesima vittoria assoluta contornata da una splendida giornata di gara per tutti, per chiudere un 2010 da ricordare negli anni. E sotto il tendone AGL MOTORSPORT vetture stupende che hanno fatto la storia del rally, dalla Mitsu evo VII del funambolico Franchini alla Toyota Corolla WRC ex – Sainz guidata da un sempreverde G.E. Rizzi passando dalla Toyota Celica GTFour ex-Kankkunen portata in gara da A. Tinaburri con il contorno della ormai mitica giallona Predator’s 1000 ancora una volta davanti a tutti seguita dalla piccola Predator’s 600 pronta a volare con Ticchi chiudendo con la Clio Rs di Tinaburri Giorgio. Una hospitality che neanche fosse il mondiale con Monica a dare da mangiare agli affamati e Ticchi Senior a dare da bere agli assetati…. Una festa per tutti, dopo tante gare e tante vittorie pronti a tuffarci in un 2011 che speriamo sia ricco di sorprese e soddisfazioni per crescere ancora, puntando a nuovi obbiettivi e nuovi traguardi. “E’ stata una stagione stupenda con la vittoria nel campionato Italiano Formula Driver, con l’assoluta nelle gare di casa, con tante vittorie e tanti podi in mezza Italia ed alla fine è arrivata anche la possibilità di iniziare a provare queste splendide vetture grazie alla collaborazione con AGL MOTORSPORT e G.E. RIZZI. Oggi non potevo chiudere il 2010 in un modo migliore, oltre all’assoluta con la mitica Predator’s 1000 che gestita dal LTS RACING TEAM risulta essere ormai la Predator’s 1000 più vincente in Italia è arrivata anche questa ottima prestazione nella classe D4. Era la prima volta che guidavo la Celica e sono molto contento della prestazione, giocarmi il podio fino alla fine rimanendo vicino ai tempi segnati da piloti che usano queste vetture tutto l’anno sia nei rally come Leoni o nei F. driver come G.E. Rizzi e Wilmer mi da convinzione che si può migliorare e far bene anche in questa classe, vedremo, la voglia di continuare è ancora tanta. Ora si fa festa guardando alla nuova stagione, certo il 2010 rimarrà certamente un anno stratosferico. Grazie a tutti”.

CHIGNOLO PO - A. TINABURRI - G.E. RIZZI - A. FRANCHINI - LTS RACING TEAM - AGL MOTORSPORT -
















CLASSIFICA ASSOLUTA FORMULA DRIVER CHIGNOLO PO






lunedì 15 novembre 2010

TINABURRI E G.E. RIZZI CON AGL MOTORSPORT A CHIGNOLO

E' stata una domenica di festa e di forti emozioni quella appena conclusa a Chignolo Po' per l'ennesimo formula driver organizzato dalla Scuderia Invicta. Tinaburri Alessandro e Giovanni Emilio Rizzi a braccetto, accompagnati dall' impeccabile organizzazione del team bergamasco AGL MOTORSPORT che ha curato la parte tecnica. G. E. Rizzi si presentava a Chignolo con una vettura che ha fatto la storia recente del rallysmo mondiale, a bordo di una Toyota Corolla WRC ex- Carlos Sainz dominava la categoria 4x4, staccando dall'inizio tempi cronometrici che lo accompagnavano fino alla vittoria finale. Una guida precisa e redditizia che oltre a dare i frutti per la vittoria finale richiamava gli occhi e le foto del folto pubblico presente. Tinaburri faceva il suo esordio con la AGL MOTORSPORT a bordo di una Mitsubishi EVO VII N4 e nonostante fosse al "primo giorno di guida" dopo una manche di assestamento piazzava subito un seconda manche nella quale staccava il terzo posto di categoria risultando il migliore con vetture N4 in attesa di riconfermare la prestazione in finale. Finale che veniva sospesa per mancanza di sicurezza causa la sopraggiunta nebbia e oscurità privando Alessandro della possibilità di confermare il suo terzo posto. " Devo ringraziare tutti i ragazzi del team AGL MOTORSPORT , Gianluca Acerbis per l'oppurtunità di correre con queste splendide vetture, Anna Frezzato per i consigli, Diego e i miei meccanici e suprattutto Dario che venerdi ha lavorato fino a notte fonda per cercare di risolvere i problemi alla PROTON SATRIA S2000 che avevamo testato venerdi e che il sabato ha preparato la Mitsu di oggi per non lasciarmi appiedato. Peccato perche' la corsa e' stata sospesa quando avevamo risolto i problemi di assetto e eravamo accreditati per un posto sul podio, mi dispiace per i numorosi amici presenti, gli sponsor e per tutto il team ma ci sarà tempo per rifarci di sicuro non molliamo la presa. La PROTON S2000? Un vero spettacolo, è una vettura fantastica che ha delle potenzialità rallystiche enormi, speriamo di poterla far arrivare a Chignolo grazie alla AGL MOTORSPORT visto che sono gli unici in Italia a poterla custodire nella loro officina". Queste le parole del pilota di Vicobarone di Ziano dopo l'esordio a "ruote coperte". La giornata si è però chiusa con l'ennesimo brindisi della stagione che non solo salutava la vittoria di G.E. Rizzi ma festaggiava la vittoria di Tinaburri nel Campionato Italiano Formula Driver 2010 con la speranza di rivederlo ancora calato in un sedile AGL MOTORSPORT.

TINABURRI ALESSANDRO e G.E. RIZZI by AGL MOTORSPORT - FOTO -
















CLASSIFICA FORMULA DRIVER CHIGNOLO PO'


DICONO DI NOI - LIBERTA' -


lunedì 25 ottobre 2010

DICONO DI NOI - MOTORZONE -

http://www.motorzone.it/public/news/2010/tinaburri-campione-italiano-assoluto-f-driver-17546.asp
TINABURRI ALESSANDRO
& LTS RACING TEAM
CAMPIONE ITALIANO ASSOLUTO FORMULA DRIVER 2010



E ora lasciateci festeggiare col tricolore al collo....... almeno per un po', fino alla prossima gara, fino alla prossima sfida, fino al prossimo sogno.....perchè a noi piace sognare di corsa e non vogliamo fermarci!!!

.............Siamo nati con questo sogno e continueremo a cercarlo.....


Un grazie di cuore a tutti gli amici che ci sono stati vicini

CLASSIFICA CAMPIONATO ITALIANO FORMULA DRIVER PRATO DI CORREGGIO (RE)




giovedì 21 ottobre 2010

CHIGNOLO STREGATA PER LTS RACING TEAM

Domenica si e' svolta la quarta prova del Uisp In Pista organizzato dalla Scuderia Invicta e valido anche come penultima prova del Trofeo Flavio Di Bari riservato alle Predator's 600cc. Con Tinaburri fermo ai box in attesa dell'ultima prova del Campioneto Italiano che si correrà domenica prossima a Reggio Emilia era Fabio Braghè a rappresentare i colori del LTS Racing Team per cercare di riaprire la classifica del trofeo sotto una pioggia battente. Fabio deciso a giocarsi le ultime chances dava il massimo ma suo malgrado veniva coinvolto dalla maledizione di Chignolo, l'LTS Racing Team non ha mai vinto su questo circuito in ben due anni di competizioni. Sembrava infatti che la maledizione stesse per finire visto che Fabio correva una giornata di manches ottenendo ottimi tempi e partendo nella manches di finale deciso a confermare gli ottimi crono. In gara Bassi, che probabilmente non gradiva l'umidità, era più lento del solito, Vincenzi si ritirava per noie meccaniche e Redini e Braghè si giocavano la vittoria finale. L'ultima tornata era sul filo dei secondi fino a quando Redini andava in testacoda a quel punto la gara era nelle mani di Braghè ma un Redini, cercando di recuperare il tempo perso, tamponava il buon Fabio che si ritrovava con un pugno di mosche in mano lasciando via libera in campionato a Bassi che chiudeva la classifica con una gara di anticipo. Redini finiva quasi in lacrime scusandosi con Braghè che dopo aver subito stessa sorte durante la gara di Piacenza Expo prenotava un tour dei vari Santuari della zona sperando in una benedizione. Si chiudeva così una domenica bagnata che non permetteva di sfatare la maledizione di Chignolo in attesa di giornate migliori sperando di festeggiare domenica a Reggio Emilia.

martedì 12 ottobre 2010

ALL'ULTIMO RESPIRO

Sarà la prova del 24 novembre a Reggio Emilia a decretare il nuovo Campione Italiano Assoluto Formula Driver 2010, l'ultima di un campionato lungo e deciso al fotofinish. Domenica a Noventa di Piave la classifica si e' mossa poco dopo una gara ricca di capovolgimenti di fronte con il risultato finale di portare Tinaburri a recuperare l'ultimo punto su Tessari per presentarsi a Reggio alla pari per un finale da brividi. Una classifica che vede ora i due piloti appaiati a 56 punti dopo che la gara veneta li ha visti rispettivamente terzo e quarto assoluto. Una classifica assoluta che domenica si e' rivelata quantomai incerta fino alle battute finali con il solito Apostoli (a Noventa con i colori Invicta) a dettare le danze ma che in finale si ritirava per un guaio meccanico, Tinaburri che metteva sul piatto una prova maiuscola che però veniva superata da uno stupefacente Baldinetti che, mai veloce come questa volta, finiva al secondo posto anticipando il pilota piacentino per soli 8 decimi. L'assoluta pertanto vedeva nell'ordine Apostoli, Baldinetti, Tinaburri e appunto Tessari. Mentre in Categoria E Apostoli finiva quarto, detto della rottura, anticipato da Baldinetti, Tinaburri e Daltin. "Ormai siamo alla fine, ci giochiamo tutta la stagione a Reggio, sarà una gara emozionante. Entrambi ci meritiamo la vittoria e per questo faccio i complimenti a Tessari, vedremo come andrà a finire, di sicuro sarà spettacolo. Oggi i complimenti vanno anche a Baldinetti non lo avevo mai visto così veloce sarà che come a me l'aria di casa fa aumentare i cavalli, grande prova la sua. Mi dispiace per l'amico Fabio che ha rotto in finale ultimamente non è molto fortunato. Io come sempre ho dato il massimo la vettura non ha dato nessun problema e ora ricarichiamo le batterie in vista della sfida finale, speriamo di non dover rimpiangere il fatto di aver saltato qualche prova che non mi ha consentito di prender punti. Comunque vada e' stata una stagione stupenda che fino ad oggi conta 15 gare con 6 vittorie assolute e nessun ritiro speriamo di chiudere festeggiando il titolo". Si chiude così la trasferta veneta dell'LTS RACING TEAM in attesa della prova finale del 24 ottobre.

CLASSIFICA CAMPIONATO ITALIANO FORMULA DRIVER - NOVENTA DI PIAVE -











giovedì 16 settembre 2010

LTS RACING TEAM BRINDA ANCHE A SOAVE

A Soave nella prova valida per il Campionato Italiano Formula Driver l'LTS RACING TEAM continua la sua marcia vincente. Alessandro Tinaburri conquista un ottimo secondo posto di categoria e il terzo assoluto portanto a casa punti importanti in funzione campionato. La lotta in categoria E è stata accesa fin da subito, visto il numero degli iscritti e il loro livello, ma una giornata condotta al meglio dal pilota piacentino lo ha portato nelle parti alte della classifica. Peccato che la gara sia stata condita da una marea di polemiche dovuta alla gestione delle penalità in gara da parte della giuria che ha prodotto delle decisioni , e di conseguenza a delle penalità in secondi, che hanno suscitato perplessità fra molti dei partecipanti all'evento. "Sono contento per il risultato che dimostra la nostra costante competitività, un po' meno per le decisioni della giuria, ma non voglio alimentare polemiche. Ora siamo ad un solo punto dal primo posto assoluto e ci dobbiamo ricaricare in vista delle ultime due prove di campionato. Sappiamo di poter fare bene ma le gare non sono mai decise fino all'ultimo giro, cercheremo di dare il massimo per arrivare ad un grande risultato sapendo comunque di aver fatto una stagione splendida condita da vittorie importanti comunque vada a finire". Queste le parole del pilota di Vicobarone che torna da Soave sapendo che il campionato si deciderà all'ultima curva dell'ultima gara. Per l'LTS RACING TEAM a Soave era presente anche il pilota toscano Paolo Lulli deciso a mettersi in luce e a prendere confidenza con la "piccola" Predatos'r 600. All'esordio con questo tipo di vettura Lulli pertiva solitario in categoria Promotion ma deciso a migliorare il proprio crono durante le varie manche. Sicuramente una prova positiva del toscano passato da una "tuttoavanti" come la sua Peugeot ad una trazione posteriore come la formula. I tempi miglioravano costantemente durante la giornata, con una guida regolare, pulita e senza prendere rischi inutili che lo portava a fina giornata a conquistare anche il primo posto assoluto nella classifica di regolarità. "Sono contento della giornata e della vettura, avrei voluto essere un po' piu' veloce ma e' una macchina che bisogna conoscere al meglio per usarla al 100% anche se devo dire che dà una sicurezza e un approccio positivo fin dai primi giri. Mi sono divertito e rientro con un ottimo risultato. L'esperienza con i ragazzi del LTS RACING TEAM è stata molto positiva, non escludo che ci si possa incontrare ancora, ringrazio loro e i miei sponsor che mi hanno aiutato in questa trasferta veneta".

CLASSIFICA CAMPIONATO ITALIANO FORMULA DRIVER - SOAVE (VR) -







martedì 7 settembre 2010

TRIPLETTA DI TINABURRI A MONTELUPO

A Montelupo Fiorentino Tinaburri sigla la terza vittoria nelle ultime tre gare. Dopo Piacenza valida per il Campionato Italiano, Castelsangiovanni valida per il Trofeo Macota, Tinaburri si ripete anche in terra di Toscana nella prova valida sia per il Trofeo Macota che per il Campionato Italiano Formula Driver. Una gara ottimamente organizzata dall'esperto Team Giacomelli che ha visto al via una cinquantina di vetture. Come sempre a darsi battaglia per le prime posizioni assolute un i forti piloti locali Villani su Osella, Giani su Elia Avrio 1300, Giampaoli su Sixtyseven 1300 con Tinaburri e Baldinetti "forestieri" a cercare di inserirsi nelle zone alte della classifica. L'asfalto molto scivoloso lasciava presagire una giornata all'insegna del "possono vincere tutti" e gia' durante la prima manche uscivano le difficoltà. Baldinetti si ritirava per noie meccaniche e Villani chiudeva terzo ma a causa di una leggera toccata alla sua Osella e con problemi di gommatura decideva per il ritiro. A quel punto rimanevano in tre a giocarsi la vittoria in pochi decimi. Tinaburri che si posizionava in testa alla classifica seguito da Giani e Giampaoli, con il solito Tessari protagonista in classe Sport ad inserirsi nelle posizioni di testa. Ma la finale presentava altre sorprese. Tinaburri al termine della terza manche rientrava in assistenza primo ma con i freni posteriori fuori uso, gran lavoro del LTS RACING TEAM che cercava di risolvere il problema almeno parzialmente nei tempi necessari per presentarsi al via della manche di finale. Tinaburri, come al solito molto sportivamente, rendendosi conto che la frenata della sua Predator's non era efficace come nelle prime battute di gara decideva di partire ultimo in griglia per non rischiare di ostacolare gli avversari, deciso comunque a giocarsi le sue carte. Finale pertanto incerta che pero' vedeva il crono dare clamorosamente ragione ancora una volta al pilota piacentino, seguito da uno sfortunato Giani che lamentava noie al cambio e a Giampaoli che complice un birillo abbattuto chiudeva in terza posizione di classe E perdendo anche il terzo posto assoluto in favore di Tessari. "Nonostante i problemi ai freni i tempi sono sempre stati ottimi per tutta la giornata e questa vittoria mi rilancia in classifica in attesa delle ultime prove di campionato. Un pensiero va a Giampaoli che ultimamente non e' molto fortunato e mi dispiace per Giani con cui stavamo battagliando per il primo posto e per il ritiro di Villani, sono piloti veloci e con vetture molto potenti e nello stesso tempo amici, sarebbe stato bello confrontarci fino alla fine anche per lo spettacolo. Ora lavoriamo in funzione del Campionato cercando di continuare a fare bene come nelle ultime prove. Chiudo ringraziando tutto LTS RACING TEAM che anche oggi e' stato fondamentale nel tamponare il problema ai freni posteriori, e gli amici Fabio Braghe' e Alberto Ticchi, senza il lavoro di tutti in assistenza oggi sicuramente non avrei festeggiato". Queste le parole di Tinaburri che rientra in terra piacentina con la terza vittoria di fila dimostrando ancora una volta quanto sia importante essere una squadra unita.

CLASSIFICHE CAMPIONATO ITALIANO FORMULA DRIVER - MONTELUPO F.NO -







mercoledì 1 settembre 2010

........VENITE VOI A CORRERE CON UISP

Oggi mi e' scattata una vena polemica..... non per qualcosa o colpa di qualcuno ma ripensando a domenica. Dopo una vittoria stupenda e una splendida prestazione di tutto l' LTS RACING TEAM qualcuno per l'ennesima volta mi ha detto: " si, vero, bella vittoria ma per essere certi di andare forte dovete venire a correre il campionato italiano formula challenge CSAI"......beh un po' mi sono stufato, e ho ripensato al campionato italiano formula driver UISP e ho tratto queste conclusioni, guardando il rovescio della medaglia: " se volete esser certi di andare forte VENITE VOI A FARE L'ITALIANO UISP PROVANDO A VINCERE IL CAMPIONATO". Partiamo dall'inizio: il Campionato Italiano Csai e' disposto su 6 gare, che poi diventano in automatico 5 perche' la prova di Napoli ormai sono 3/4 anni che viene messa in calendario e poi regolarmente salta, come nel 2010. Qualche volta rischia di diventare di 4 gare, sempre come quest'anno, infatti su 4 prove che avrebbero dovuto svolgersi, ad oggi, ne sono state fatte 2 e 2 ne rimangono con data certa più un recupero che si spera sia fatto. Di queste circa il 50% si svolgono nel brasciano, come l'anno passato, tra Franciacorta e Montichiari. E voi questo me lo chiamate Campionato Italiano?......a me sembra piu' un campionato bresciano o padano organizzato su 4/5 o, se Dio vuole, 6 prove.....infatti molti dei piloti da alta classifica sono residenti della zona padana.....quasi come se corressero un campionato nel giardino di casa. Qualcuno in CSAI per esser FORTE (senza far i conti in tasca a nessuno) cambia treni di gomme da 1500 euro ogni due gare, prepara motori da 10000/15000 per rialzarli a meta' stagione e poi a fine stagione, costruisce telai formula challenge da 15000/20000 euro e poi ti guarda con occhio pietoso perche' "poveretti loro corrono con la UISP mica con la CSAI". Ok bene, fermo restando che piu' di una volta qualcuno, nonostante corra con tutto il ben di Dio citato prima, finisce dietro ugualmente con relativa spettinata di capelli..... giriamo la medaglia.....VENITE VOI A FARE IL CAMPIONATO ITALIANO FORMULA DRIVER UISP.......Signori, vi aspetta un campionato di 13 gare, dalla Toscana, alla Lombardia per passare in Veneto e Friuli. Quanti treni di gomme in CSAI cambi? uno ogni due delle sei gare in totale di 3? Bene con noi te ne servono 7/8 treni, altrimenti impara a guidare come noi, con gomme che sembrano ciabatte Spadrillas e tieni giu' il pedale ugualmente......il motore ti costa 10000 euro e lo rialzi due volte a stagione in Csai? Bravo fallo da noi che ti tocca aprirlo 6 volte perche' corriamo il triplo delle volte, altrimenti tienilo originale e apri anche in curva non solo sul dritto se hai il pelo. Sei abituato ad andare a "nanna" presto? peccato da noi ti toccano trasferte di 3/400 kilometri (e penso e rendo onore a tutti i piloti toscani che fanno UISP e MINCHIA se ne fanno di kilometri), devi partire il sabato per tornare la domenica notte con gli okki crepati dal sonno, vedi se riesci a far tutto da solo o se devi portarti meccanici al seguito e non 5/6 volte ma per 13 eventi..... e poi ricordati che come scarichi la vettura dal carrello il lunedi devi mettere la testa nel motore perche' spesso noi in un mese corriamo 3 volte o magari tre settimane di fila......non una volta ogni mese e mezzo che la macchina te la guardi con comodo. Hai una rottura o un problema? Peccato sai gia' che in settimana dormirai poco la sera per far da solo oppure pagare i meccanici perche' domenica prossima si corre ancora e ci devi essere se vuoi esser FORTE, e poi mettiamoci i costi delle trasferte, gli alberghi o il camper, oppure dormi nel furgone o sull'asfalto con una branda come abbiamo fatto noi tante volte facendoti la doccia con la tanica di plastica poggiata sul tetto del furgone. Ecco che improvvisamente aumentano in modo vertiginoso i costi, le fatiche e il "culo" che ti devi fare se vuoi correre a certi livelli per 13 gare di fila.......allora vi dico che sicuramente in CSAI ci sono piloti bravi e vetture stupende, cito solo Apostoli, Maroni o Rottini per esempio, più altri e sulla gara "secca" noi abbiamo piu' difficolta', ma mi chiedo: quanti riuscirebbero a tenere questi livelli per tutte le 13 gare dell'italiano UISP? Perche' non mi vorrete mica far credere che 5 gare in padania costituiscano un campionato serio, vero? Tanto da definirlo ITALIANO. Fatevi i conti economici e di quanto tempo e fatica dovreste fare in piu' correndo in UISP.......dovete moltiplicare tutto per 3 volte rispetto alla Csai e poi aggiungere trasferte, meccanici al seguito, vitto e alloggio ......e non dimenticate di organizzare le ferie perche' noi si corre anche ad agosto......perche' come si dice da noi "SI FA BELLO A CORRERE COME IN CSAI"......Tradotto: "comodo vero a correre in CSAI?"........Meditate gente..........

TINABURRI E BRAGHE' IN AZIONE AL DRIVER DI CASTELSANGIOVANNI




DICONO DI NOI - LA CRONACA DI PIACENZA 1 SETT. 2010 -


lunedì 30 agosto 2010

IN VALTIDONE REGNA ANCORA L' LTS RACING TEAM

......." il motore è feroce mentre taglia ruggendo la pianura"........qualcuno cantava questi versi e di sicuro il paragone e' esagerato, anche solo per il fatto che il Tina ha sicuramente piu' di "cinquanta chili d'ossa", ma un po', forse anche solo per un attimo, ieri..... gli alberi della strada hanno strisciato sulla piana.... al suo passaggio in finale, per regalare un primo posto assoluto che per qualcuno non vale niente, ma per noi vale tutto e vicino, a chiudere il trionfo del LTS Racing Team, un Braghe', che da fedele scudiero aiutava a stampare per sempre nei ricordi questa slendida domenica. Di sicuro sudore, spaventi, imprecazioni e gioia ne abbiamo buttati ma e' stato fantastico. Una settantina i partenti su di un percorso al limite con muri, marciapiedi e polvere come i vecchi formula driver di quelli che "se vinci qui con gli avversari che ci sono allora hai sotto due p...e così". Infatti la pista mieteva vittime gia' dalle prime battute della classe Promotion con la Predator's 600 di Grandi che finiva la prima manche su un terrapieno costringendolo al ritiro, Bassi andava in testacoda, Pozzoni che partiva calmo e Braghè che chiudeva al primo posto con un sistema che dire rocambolesco è poco. Per la cronaca Braghe' andava via regolare con un buon passo ma la sorpresa lo aspettava sulla linea d'arrivo dove appena tagliato il traguardo a causa di noie meccaniche la Predator's andava in un folle testacoda, finendo la sua corsa nella scarpata a bordo pista senza danni ma lasciando il buon Fabio in "bilico ribaltamento", a quel punto interveniva la "compagnia della spinta" che opportunamente diretta da Jonny Austeri Stecchino molto gentilmente, al grido di bestemmioni, faceva rimettere la vettura in pista. La seconda e terza manche erano quasi tattiche per dare tutto in finale, dove Bassi e Braghe' si affrontavano a viso aperto. I distacchi erano minimi fino alla fine che vedeva davanti Bassi con Braghe' staccato di circa un secondo. Una grande prestazione di Fabio vista come era iniziata la giornata che lo portava anche ad uno splendido settimo posto assoluto, a dimostrare, se ancora non bastasse, quanto vanno veloci le "piccole" Predator's se guidate con le citate "p...e". Le vittime continuavano anche in classe E, fin dalle battute iniziali, che vedevano il Tina secondo nella prima manche dove pero' Cusi su Predator's abbandonava, Pagliari su Osella (diteci cosa aveva bevuto perche' cosi' veloce non lo avevamo mai visto) finiva purtroppo la gara a cavallo di un marciapiede, Guardalben si ritirava per noie meccaniche e Giampaoli stropicciava la scocca della sua SixtySeven2. In testa si piazzava Poletti (Proto VST 1000) al terzo posto Rottini (Proto Hayabusa 1300) due dei piloti a livello nazionale piu' conosciuti della specialità. Ciudeva Ferrari su Formula Panda che faceva segnare dei tempi di tutto rispetto tenendo conto dei pochi cavalli a disposizione. La seconda manche era da brivido, sul veloce cedeva la sospensione della Predator's e il Tina finiva con l'avantreno penzolante. Spavento e sudore per sistemare il tutto per fortuna senza conseguenze, poi la terza, dove Ferrari finiva su un marciapiede chiudendo la sua giornata. In finale partivano nell'ordine Rottini, Tinaburri, Poletti e Giampaoli. Era da cardiopalma, le posizioni di testa chiuse in pochi decimi, ogni passaggio era da brividi con Rottini che sbagliava una staccata e perdeva centesimi, Poletti che con le gomme nuove dava il massimo e Tinaburri che spremeva la Predator's in modo impressionante, piu' staccato Giampaoli. Quattro giri in apnea per scoppiare in una gioia immensa quando Magnani quasi senza voce dava ai microfoni la vittoria assoluta a Tinaburri seguito da Poletti e Rottini, chiudeva Giampaoli. Era festa.....per tutto l'LTS RACING TEAM che dopo Piacenza Expo si prendeva anche Castelsangiovanni, la terra nostra, la gara nostra, la gioia nostra.

CLASSIFICHE FORMULA DRIVER CASTEL SAN GIOVANNI (PC)